I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie presenti sul Portale. Ulteriori informazioni
Colore giallo oro
Sensazioni di albicocca...
ed agrumi
Sentori di tabacco e miele
Note di pasta di mandorle

Picolit 2012

Il Picolit è considerato una gemma dell'enologia italiana. Probabilmente, l’ origine del suo nome deriva dalla scarsa produzione dei suoi acini e grappoli, oppure secondo altre versioni, per le ridotte dimensioni della sua uva. Questo vino è da sempre molto prezioso, basti pensare che la sua produzione, ancora oggi, non supera in tutto il Friuli i 900 ettolitri. Ciò è dovuto al fatto che la vite di Picolit produce pochissimi e radi acini, circa 10-15 acini per grappolo, in quanto è caratterizzato da infiorescenze molto soggette ad aborto floreale.

Proprio per questo ha sempre avuto un immagine di grande esclusività, divenendo nei secoli scorsi il vino per eccellenza delle grandi occasioni che deliziava i palati dei principi e dei Papi. Carlo Goldoni lo definì la gemma enologica più splendente del Friuli, mentre il Veronelli lo descrisse così: "Fermo e aristocratico; ha nerbo deciso e stoffa alta, che si compiace sino a coda di pavone; grandissimo vino, vino “da meditazione”.

 

Vitigni:
100% Picolit
Anno impianto:
1946
Numero ceppi:
4000 piante/ha
Altitudine:
200 m.s.l.m.
Giacitura:
Collinare con esposizione a sud est
Natura del terreno:
Marna ed Arenaria
Zona del vigneto:
Rocca Bernarda
Produzione:
1kg di uva per pianta
Sistema di allevamento:
cappuccina
Colore:

 Giallo dorato

Profumo:

Al naso si apre con solarità, ha le sensazioni di albicocca, agrume, tabacco, pasta di mandorle con intensità ed eleganza che porta incondizionatamente all'assaggio

Gusto:

Il Picolit si distende dapprima sulla lingua avvolgendo poi il palato con freschezza e con intensa aromaticità, già espressa al naso, accompagnate da una dolcezza presente ma non sfacciata o stucchevole in equilibrio con le emozioni che solo un prodotto come il Picolit può dare .

Vinificazione:

 

mini
Accostamenti gastronomici

I classici lo abbinano al fegato grasso d'oca e ai formaggio verdi.

Noi vi vogliamo incuriosire abbinandolo alle ostriche crude, tartufi di mare, caviale e scampi crudi.

Temperatura di servizio: 10 °C